Chi siamo

OMICRON

L’Osservatorio milanese sulla criminalità organizzata al Nord “Omicron ” si occupa di ricerca  con riguardo alle diverse fenomenologie criminali organizzate e attenzione particolare ai fatti e alle tendenze dell’Italia settentrionale“.

Omicron nasce nel gennaio del 1997 come newsletter di analisi e informazione destinata a un pubblico di addetti ai lavori: magistrati, politici, intellettuali, giornalisti ed esponenti delle forze dell’ordine. Grazie allo spazio dedicato alle associazioni, ai movimenti e alle scuole, Omicron diventa strumento di contatto e aggiornamento fra le Istituzioni e la società civilesi. Le inchieste rigorose e le ipotesi interpretative, fondate tanto sull’elaborazione di dati statistici quanto sull’osservazione territoriale, si rivelano puntuali e, qualche volta, anticipatorie. Come l’attenzione dedicata dall’osservatorio, fin dal secondo numero, ai gruppi criminali di matrice transnazionale.Omicron si avvale della collaborazione stabile e volontaria di persone che in anni di studio e lavoro hanno acquisito competenze specifiche, maturate nel mondo accademico, dei mass media e delle professioni. La redazione è aperta e composta da giovani ricercatori, da laureandi e neo laureati, ma anche da qualche penna di esperienza. Le attività di Omicron attengono principalmente all’analisi e alla ricerca sui temi di interesse specifico, e alla loro diffusione.

Storia di Omicron:  il comitato scientifico composto da personalità di riconosciuto prestigio istituzionale e culturale si affianca, nel 1999, alla redazione. Nel 2000 Omicron segue i lavori Convenzione Onu contro la criminalità transnazionale e partecipa ad una rete di collaborazione europea e internazionale.

La ricerca internazionale, svolta nell’ambito del Programma Falcone della Commissione Europea, “L’influenza della criminalità straniera sulla struttura degli interessi e dei comportamenti criminali nelle grandi aree metropolitane dell’Europa mediterranea: Milano, Parigi e Barcellona ” evidenzia una moderna vocazione “globale e locale” dell’Osservatorio.

Omicron è considerato una fonte autorevole nell’analisi dei fenomeni criminali e collabora con alcune prestigiose Università italiane e straniere; svolge attività di informazione e analisi territoriale nell’Italia del Nord e partecipa a una rete internazionale di eccellenza che si estende dalla Francia alla Spagna al Belgio alla Svizzera agli Stati Uniti al Brasile.

COMITATO SCIENTIFICO

Vittorio Borraccetti, Procuratore capo della Repubblica, Venezia
Anna Canepa , Procuratore della Repubblica, Genova
Giancarlo Caselli, Procuratore della Repubblica di Torino. Già Procuratore capo della Repubblica di Palermo e direttore di Eurojust.
Adolfo Ceretti
, Docente di Criminologia all’Università di Milano Bicocca. Coordinatore dell’Ufficio per la mediazione penale di Milano.
Nando Dalla Chiesa
, Saggista, docente di Sociologia economica all’Università Milano.
Gabrio Forti, Docente di Criminologia all’Università Cattolica di Milano.
Alison Jamieson, Giornalista, ricercatrice
Alberto Nobili, Procuratore aggiunto della Repubblica, Milano
Marcelle Padovani, Giornalista, presidente dell’Associazione della stampa estera in Italia.
Livia Pomodoro, Presidente del Tribunale di Milano.
Virginio Rognoni , già ministro dell’Interno.
Maurizio Romanelli, Sostituto Procuratore della Repubblica, Milano.
Adriano Sansa , Magistrato della Corte d’appello di Genova. Già sindaco di Genova.
Bartolomeo Sorge, Direttore responsabile di Aggiornamenti sociali.