Come funzionano le etichette anti-contraffazione?

0
661
etichette anti-contraffazione

Introduzione alle etichette anti-contraffazione

Le etichette anti-contraffazione sono degli strumenti utilizzati in tutti gli ambienti in cui sia richiesta una protezione dalla frode e dalla contraffazione. Per tale ragione, le etichette di questa tipologia risultano fondamentali per tracciare e identificare un pacco, ma anche per garantire l’originalità della merce.

Tipologie di etichette anti-contraffazione

In commercio sono presenti molte tipologie di etichette anti-contraffazione; tra le più famose rientrano:

  • Etichette a inchiostro reattivo
  • Etichette a taglio laser
  • Etichette a trasferimento termico
  • Etichette a radiofrequenza (RFID)

Alcuni preferiscono acquistare una stampante per realizzare le etichette home-made; tuttavia, non è possibile realizzare questo tipo di strumento in casa. Perciò, è opportuno affidarsi ad aziende specializzate nella realizzazione questa tipologia di articolo. Rubino, leader del settore, produce etichette anti-contraffazione da oltre vent’anni e garantisce un servizio di qualità e attento alle esigenze della clientela.

Come funzionano le etichette anti-contraffazione

Le etichette a inchiostro reattivo vengono impiegate per garantire che i codici alfanumerici e le password siano utilizzati in modo sicuro. L’esempio più evidente di questo tipo di articolo è dato dalle etichette, che mostrano un codice dopo aver grattato la superficie con una moneta (come avviene per le ricariche telefoniche).

Le etichette a taglio laser, invece, sono indelebili e, dopo aver superato numerosi stress test, garantiscono una durata prolungata e un’adesione anche ai materiali con le superfici più difficili.
Questo strumento viene impiegato in numerosi ambiti, in particolare per identificare gli inventari aziendali, per imprimere su un oggetto il codice a barre oppure i codici alfanumerici.

Le etichette a trasferimento termico vengono prodotte con l’utilizzo di una stampante a inchiostro, che consente di realizzare delle scritte leggibili e durature nel tempo. Spesso, questo tipo di etichetta viene impiegata dagli small business per tracciare un pacco di piccole dimensioni; tuttavia, questo tipo di etichetta anti-contraffazione è perfetta anche sui prodotti dalla durata superiore ai due anni.

Infine, le etichette a radiofrequenza (RFID) sfruttano una particolare tecnologia – chiamata Radio Frequency Identification – con la quale è possibile inserire in un database le informazioni su persone, animali e oggetti.
I RFID sono utili nel settore alimentare, in particolare nel caso in cui serva ritirare un lotto in modo tempestivo per tutelare la salute dei consumatori.

Vantaggi dell’utilizzo delle etichette anti-contraffazione

L’utilizzo delle etichette anti-contraffazione è fondamentale per le imprese, in quanto consente di proteggere il marchio e, di conseguenza, la reputazione aziendale.

Difatti, un brand – per essere considerato autorevole – deve impiegare dei metodi efficaci che attestino l’autenticità e, di conseguenza, la credibilità dell’azienda: solo in questo modo, un utente si sentirà spinto verso la fidelizzazione al marchio.

Inoltre, questo tipo di etichetta consente la salvaguardia dei diritti di proprietà intellettuale del brand: con la registrazione del marchio e la tutela dei diritti tramite i sistemi di anti-contraffazione, l’azienda certifica la sua originalità agli occhi della clientela.

All’originalità si affianca il concetto di qualità della merce: in un contesto globalizzato, è frequente incorrere in situazioni di replica dei propri articoli; questo fenomeno può essere prevenuto con l’utilizzo di strumenti in grado di proteggere il prodotto finale e certificare il processo produttivo eseguito per realizzarlo.

Assicurare la buona riuscita di tutti gli aspetti sopracitati, in definitiva, permette di ridurre le perdite economiche a cui l’azienda sarebbe assoggettata senza certificazioni e attesta il suo impegno nella realizzazione di prodotti unici e, perciò, di valore.

Conclusioni sull’utilizzo delle etichette anti-contraffazione

In conclusione, l’utilizzo delle etichette anti-contraffazione mostra notevoli vantaggi: da un lato, le aziende possono accedere a un fatturato maggiore, dall’altro i consumatori ricevono una maggiore tutela durante la fase di acquisto. Di conseguenza, questi strumenti garantiscono un impatto positivo generale su tutta la società.