Come fare un’interrogazione perfetta

0
336
interrogazione perfetta

Se ti stai chiedendo come fare un’interrogazione perfetta, beh, sei capitato nel posto giusto.

Andare a scuola a volte può essere davvero pesante. Non sempre si ha la voglia di studiare ore intere e di imparare cose che magari a te non interessano per niente.

Tuttavia, bisogna dire che la scuola serve. Eccome.

Ma come fare se nei prossimi giorni hai un’interrogazione orale da sostenere e non sai proprio da dove iniziare?

Ovviamente non puoi farcela senza non aver aperto nemmeno un pò il libro, ma con le nostre dritte potrai accelerare di molto tutta la fase di studio e sfruttare al meglio le nozioni che hai appreso.

Come fare un’interrogazione perfetta: consigli e strategie

Tra un compito scritto ed un’interrogazione orale c’è davvero un abisso.

Se con una verifica scritta è più semplice il riflettere e ponderare la risposta, in una verifica orale c’è poco da pensare: si deve rispondere, ed anche in modo comprensibile.

Ci sono alunni che hanno una grande capacità comunicativa e quindi riescono a venir fuori anche dalle interrogazioni più difficili. Ma ci sono alunni che, invece, faticano davvero molto.

Se tu sei tra quest’ultimo gruppo ed hai sempre il cuore che accelera e le mani che sudano quando senti fare il tuo nome dalla professoressa, ecco per te qualche consiglio utile.

Sii sicuro di te stesso

La prima cosa che devi sapere è che la prima impressione può davvero fare la differenza.

Se ti rechi alla cattedra tutto timido e racchiuso in te stesso, la professoressa capirà immediatamente che non sai nemmeno un paragrafo di quello che dovevi studiare.

Cerca di essere sicuro di te stesso.

Siediti bello composto e tieni la schiena dritta con la testa bella alta. Quando parla guarda la prof negli occhi e mostra che sei sicuro di te stesso e che non temi nessuna domanda.

Tieni presente, inoltre, che questo tipo di approccio ti aiuterà moltissimo a livello mentale anche in altri campi della vita.

Preparati come si deve

Sembra molto scontato, ma se vuoi sapere come fare un’interrogazione perfetta non è che si siano pozioni magiche da poter bere.

Se non sai nulla non puoi fare i miracoli. Forse puoi solo provare ad essere sincero ed ammettere di non aver studiato e di promettere di studiare per la volta successiva. Ma non è detto che questa opzione venga accettata.

L’unico modo per venirne fuori è quello di aver perlomeno chiaro i concetti chiave dell’argomento.

Cerca di preparare già un discorso unico e semplice da poter esporre.

Abituarti ad esporre già a casa nella tua camera ti aiuterà ad essere più preparato e sciolto nella connessione delle diverse nozioni. Senza contare che il ripetere a voce alta ti aiuterà anche nella memorizzazione.

Ottimo anche creare mappe concettuali e schemi da tenere davanti a te per le prime volte che andrai a ripassare a voce alta. Senza contare che ti aiuterà anche a ricordare tutto al meglio.

Non fare pause

Quando cominci ad esporre il tuo concetto e quello che conosci ed hai capito, cerca di essere il più fluido possibile.

Proprio per questo nel paragrafo precedente ti abbiamo consigliato di esercitarti a casa.

Fare troppe pause ti farà apparire poco preparato e poco sicuro sulle nozioni da te studiate.

Se hai dei momenti di panico in cui non riesci più a ricordare nulla hai due alternative:

  • fai un bel respiro, chiedi scusa e chiedi se puoi ricominciare;
  • cerca di prendere tempo dilungandoti con il concetto che stai dicendo finché non ti sarà tornato in mente quello dimenticato.

Fatti furbo e fai attenzione

Se vuoi davvero capire come fare un’interrogazione perfetta leggi con attenzione questo consiglio perché ti sarà davvero utile.

Se hai la fortuna di non essere il primo interrogato in uno specifico argomento, presta attenzione a quando il prof interroga i tuoi compagni.

Segnati le domande che fa ed ascolta molto bene le risposte e le eventuali correzioni.

Studia bene il metodo che il professore adotta durante le sue verifiche orali. Ogni insegnante, infatti, ha il suo stile e capirlo ti aiuterà ad anticipare le sue richieste.

Domina la tua ansia

Non è facile, e lo sappiamo molto bene, ma l’ansia non ti aiuterà a fare un’interrogazione degna di questo nome.

Respira profondamente e pensa che il tuo insegnante infine è una semplice persona come te quindi non c’è nulla da temere.

Il modo più concreto ed efficace per domare l’ansia è sicuramente quello di prepararsi al meglio. Solo se si è sicuri di aver studiato e di aver fatto tutto il possibile per imparare l’argomento si potrà avere la tranquillità per affrontare qualsiasi domanda.

Tieni il tono della voce non troppo alto, cerca di non balbettare e non esagerare con la gesticolazione.

Piccoli dettagli ma che ti aiuteranno a fare una bella impressione ed a sciogliere subito il ghiaccio per poi esser più tranquillo.

L’ansia può giocare davvero brutti scherzi e far dimenticare anche la semplice tabellina dell’uno.

Impara a domarla ed avrai tutte le tue interrogazioni in pugno.