Mafia a MIlano, Milano, alla dirigente del Comune tre anni per corruzione. Condannato anche un prete

Ci sono anche una dirigente del Comune di Milano (fino a febbraio 2017) e un sacerdote tra i destinatari delle prime 15 sentenze a ruota degli arresti nel maggio 2017, quando la Leggi tutto

Torino, ultimo stralcio Processo Minotauro: la procura chiede condanne per 63 anni di carcere

Otto ore di requisitoria alternata tra il Procuratore Generale Francesco Saluzzo e il pm Monica Abbatecola. Per chiedere – in definitiva – condanne a 63 anni di carcere a carico di sette Leggi tutto

Padova, blitz antimafia: ex dirigente Popolare Vicenza cervello del sistema

L’ex direttore della filiale della banca popolare di Vicenza di Busa di Vigonza: «Il boss perse i soldi e disse che era colpa mia» Leggi tutto

Fermato Carmine Sarcone, per i pentiti di Aemilia è il reggente della cosca emiliana

La 'ndrangheta a Reggio Emilia: il 39enne, fratello di Nicolino e Gianluigi, entrambi imputati al maxi processo, è stato fermato a Cutro dai carabinieri. Leggi tutto

Milano, Fiera e Lidl risanate: parcelle low cost ai commissari

È uno strumento molto utile, l’amministrazione giudiziaria temporanea delle aziende per sterilizzare il contagio delle infiltrazioni mafiose, ma costa. Molto. Troppo, secondo i suoi critici storici. Era perciò molto attesa la liquidazione Leggi tutto

 

Inchiesta sul carcere di Bergamo: sei arresti, anche l’ex direttore e il comandante della polizia penitenziaria

Le accuse sono turbativa d'asta, falso e corruzione: tutti ai domiciliari. Le indagini nascono dal regime privilegiato concesso a un imprenditore arrestato in un'inchiesta sulla realizzazione della Salerno-Reggio Calabria. Stava in ospedale, anziché in carcere

‘Ndrangheta: sequestrati beni per 5 milioni al clan Loiero in Lombardia e Calabria

Le indagini della Procura di Milano hanno portato al sequestro di palazzine, villette, box e un milione in contanti aTrezzano, nel comasco e in Calabria

‘Ndrangheta, arrestato viceprefetto isola d’Elba e Giuseppe Belfiore, fratello mandante omicidio Caccia

In manette anche membro della 'ndrangheta, fratello del mandante dell'omicidio del procuratore di Torino Caccia. Perquisizioni nelle province di Livorno, Torino, Asti, Padova, Ravenna Forlì, Pisa, Pistoia, Campobasso, Napoli, Salerno, Lecce e Brindisi

Milano, la mappa dei beni confiscati ai clan: «Restituiti uffici, box e ville di lusso»

È una mappa piena di puntini rossi. Case, garage, uffici frutto degli investimenti degli uomini delle cosche al Nord. Una fotografia che rende più di ogni altro parametro l’idea di quanto le mafie in mezzo secolo si siano prese pezzi

‘Ndrangheta, il pentito rivela: “Mi chiesero di gambizzare un magistrato di Biella in cambio di una villa. Rifiutai”

Il retroscena, contenuto nei verbali di interrogatorio depositati al processo d’appello, è una delle prime ricostruzioni fornite da Cosimo Di Mauro, condannato in primo grado a 8 anni e otto mesi nel processo Alto Piemonte. "Il pm Napolillo aveva interrogato

Asti, provincia di Vibo Valentia. Qui la ‘ndrangheta la fa da padrone

«Tu non sai chi siamo noi… Chiedi a Costiglione chi comanda ad Alba, ad Alessandria, a Costigliole e in questi paesi qua!». È tutta in questa frase, gridata da Salvatore Stambè a un imprenditore che stava taglieggiando, la verità sull’infiltrazione della ‘ndrangheta nell’Astigiano.

Infiltrazioni ‘ndrangheta a Milano, sequestrato un bar vicino al Pirellone

Otto gli arrestati: avrebbero agevolato la cosca capeggiata da Natale Alvaro. L’indagine ha svelato un sistema di false fatture che ha portato l’organizzazione a evadere il fisco per circa 8 milioni e 600 mila euro

‘Ndrangheta in Piemonte, estorsioni droga e un omicidio: 26 arresti tra Asti e Alba. Infiltrata una squadra di calcio

Oltre al racket e al narcotraffico “il sodalizio esercitava il controllo del territorio con infiltrazioni mafiose in alcune società di calcio, gestendone di fatto gli impianti usati anche per incontri d’affari” come nel caso dell'Asti calcio

Mafia, il gup: “Tentacoli clan arrivavano fino a Lidl e vigilantes del tribunale di Milano. E lambivano anche il comune”

Sono le parole usate dal gup Barbara nelle motivazioni della sentenza con cui nel febbraio scorso ha condannato undici persone, a pene che vanno da 1 anno e 2 mesi a 5 anni e 4 mesi. Avevano scelto il rito

Reggio Calabria, processo Gotha: 20 anni a Giorgio De Stefano. Era a capo della Cupola

La ‘ndrangheta ha una propria direzione strategica in grado di determinare tattiche e linee di intervento per l’organizzazione tutta. E i suoi uomini adesso hanno un nome e un volto. Per i giudici di Reggio Calabria, l’avvocato Giorgio De Stefano,

  • Blog

    • Emilia, La cosca mediatica della Pianura Padana

      4:00 pm By chiara
      L’obiettivo è condizionare l’opinione pubblica del Nord Italia. Diversi personaggi vicini alla ‘Ndrangheta sono sempre più interessati a tv e giornali. Negli ultimi anni, nella Pianura Padana, ci sono stati casi di trasmissioni pilotate di tv locali, interviste ai giornali su commissione, comunicati e conferenze stampa: armi che oggi spesso sono ritenute più Read More »
    • Antonio Valerio al Processo Aemilia: L’abc del pentito calabrese

      4:53 pm By chiara
      A sentirlo parlare ricorda Tommaso Buscetta, quando nel 1986, nell’aula del maxi processo di Palermo, svelava i segreti di Cosa Nostra. Antonio Valerio, il pentito della ‘Ndrangheta che sta raccontando le “cose” dei clan in Emilia Romagna, ha lo stesso piglio, la stessa nitidezza nei racconti. A trent’anni dalle parole di “don Read More »
  • Mafie in Ticino

    • ‘Ndrangheta in Ticino: condannati Franco Longo e l’ex municipale

      8:26 pm By chiara
      Cinque anni e sei mesi per Franco Longo, 63enne italiano domiciliato a Vacallo e uomo di fiducia della ‘ndrangheta calabrese in Ticino, e tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, per un fiduciario ticinese di Chiasso. Sono queste le pene pronunciate oggi dal giudice Giuseppe Muschietti del Tribunale penale federale Read More »
  • Mafie in Germania

    • ‘Ndrangheta, arrestato in Germania il boss latitante Emanuele Cosentino

      4:02 pm By chiara
      Finisce a Saarbrücken, in Germania, la latitanza di Emanuele Cosentino, trentunenne considerato elemento di spicco del clan Gallico, egemone nella zona di Palmi, nel reggino. Ricercato dal 2013, già condannato in appello a 7 anni di carcere per associazione mafiosa ed estorsione, nonostante la giovane età Cosentino è considerato un boss. Read More »